Super Bowl e Cause Related Marketing

cause related marketing

La scorsa settimana il cause related marketing US ha vissuto dei break pubblicitari pianificati durante il Super Bowl.

La cosa interessante è che molte aziende hanno pianificato spot di contenuto sociale prima ancora che commerciale.

Come ad esempio questo di Cheeriors che affronta timidamente il tema delle famiglie interraziali (+5mio di visualizzazioni)

http://youtu.be/LKuQrKeGe6g

Come questo altri spot tipo Coca Cola (e ti pareva… ) e Duracell sono stati espressioni di un buonismo travolgente e avvolgente, tanto da sembrare sincero e convincente cause related marketing. Ma hanno veramente coinvolto le persone? Le hanno spinte ad agire? Difficile dirlo, facile dubitarlo, per il semplice motivo che non c’è traccia di call to action in questi spot.

Questa invece è una storia completamente diversa (solo 3mio di visualizzazioni)

L’invito a scaricare il brano da iTunes ha generato una raccolta di circa 3Mio di $ per la ricerca contro l’AIDS.

Immaginate se altre marche avessero usato allo stesso modo la platea del Super Bowl invitandola ad adottare misure concrete, in tempo reale, a favore di questioni sociali importanti per loro.

Anche in Italia si potrebbe fare di meglio.