Sviluppo sostenibile è buy-one-give-one.

by alessioalberini

Le maggiori opportunità di crescita per un brand sono offerte dalla crescente domanda di una nuova generazione di consumatori, alla ricerca di marche capaci di offrire un valore globale: funzionano bene, creano aggregazione, fanno qualcosa di buono. Marche che cercano uno sviluppo sostenibile.
Giovani [ma non solo], istruiti [cioè consapevoli], connessi [sempre], prevalentemente donne, questi consumatori si chiedono spesso per quale motivo dovrebbero ascoltare e seguire un brand e se non trovano le risposte che cercano passano ad altro.
Sono pratici, propositivi, collaborativi e impazienti.
Le marche che vogliono interagire con loro debbono essere responsabili, sane, sostenibili e felici. Puntare ad uno sviluppo sostenibile.

sviluppo sostenibile

Avere uno scopo, come Warby Parker. Oppure come TOMS

Apparsa sul mercato nel 2006 TOMS, da subito, è diventata l’azienda [tanto piccola quanto cool] simbolo del modello di social business che risponde al nome di buy-one-give-one.

Poi il modello si è ampliato comprendendo una linea di occhiali.

Da poche settimane ha intrapreso una nuova sfida, che promette un’espansione esponenziale del modello stesso di buy-one-give-one che garantisca uno sviluppo sostenibile: lanciando il TOMS Marketplace ha portato una manciata di piccoli imprenditori sociali sotto la sua ala.

TOMS Marketplace è un negozio online dove le persone che voglio acquistare in modo consapevole e socialmente utile possono acquistare una gamma di prodotti legati a cause sociali. Il microsito offre una gamma di 200 prodotti da 30 aziende diverse, con articoli che vanno dai braccialetti alle borse per moto.

Gli acquirenti possono cercare i prodotti in base al tipo di causa a cui sono legati causa, oppure per regione o marchio, consentendo ai consumatori di destinare il proprio denaro per un problema o zona che è importante per loro. Per maggiore chiarezza, ogni pagina del prodotto offre informazioni sulla società e i suoi fondatori per comprendere meglio il tipo di impatto sociale a cui porta l’acquisto.

Anche se TOMS è stato spesso criticato in passato, l’azienda ha continuato dritto per la sua strada, annunciando l’intenzione di produrre un terzo delle sue scarpe negli stessi paesi in cui le dona. Con il progetto Marketplace sostiene nuove aziende sociali alle prime armi.

“Prestando” la propria reputation e le capacità di comunicare TOMS può spingere più prodotti e permettere a queste aziende di avere un impatto ancora più grande per le cause che supportano.

Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn16Share on Facebook4Share on Google+1Print this pageEmail this to someone