Lo sviluppo sostenibile che mi aspetto.

Lo sviluppo sostenibile ci viene in aiuto quando, in una economia depressa a cui la politica non riesce a dare prospettive di crescita, le persone ripensano i loro modelli di consumo ponendo al centro il ben-essere quale unico punto di riferimento.

Pochi risparmi e debiti personali più alti fanno riscoprire il valore della solidarietà all’interno delle comunità e quello delle autoproduzioni di beni [in particolare alimentari] e servizi.

Soluzioni a cui il governo centrale non riesce a dare impulso e valore, assumendosi la responsabilità di non promuovere uno sviluppo sostenibile.

Se gli acquisti sono a kilometro zero i servizi sono mutualistici: internet è il collante dello sviluppo sostenibile.

Il passaparola è l’unica forma credibile di comunicazione e la rete è il cuore pulsante della vita, sociale ed economica.

La sostenibilità [sociale, economica ed ambientale] è il minimo comune denominatore dell’agire personale e dove mancano le risposte sociali da parte delle aziende si passa a un drastico cambiamento degli stili di consumo.

La frugalità economica, già proposta dal Low Cost lascia il posto alla frugalità etita e pragmatica del Low Impact.

Il ruolo sempre più marginale del governo centrale consente sempre più spazio alle leadership locali [sindaci e governatori] che ripropongono nuovi modelli di Badia e Signoria, aggregati stratificati di quelle microcomunità che sono le famiglie, sempre più allargate.

Le Transition Town sono i nuovi modelli di virtuosismo civico e sviluppo sostenibile.

In questo contesto le aziende che non hanno saputo proporre nuovi modelli di business sono in grave difficoltà, non avendo trovato [cercato] radicamento sul territorio.

Le persone, nel loro agire da consumatori, vogliono essere coinvolte nel ciclo produttivo [co-creazione] e la customizzazione richiesta è ai massimi livelli.

Mercati dell’usato e dello scambio non sono più luoghi eccentrici e tra compratori e venditori non esistono più rigide separazioni di ruolo.

Ridurre – Riusare – Riciclare: non è più un claim pubblicitario ma banali regole di vita e di consumo.

Non c’è  stata la tanto temuta decrescita e nessuno prova un senso di perdita, si è dimenticato cosa sia il PIL ma si è riscoperto il significato di Felicità.

sviluppo sostenibile

Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn12Share on Facebook8Share on Google+0Print this pageEmail this to someone